agrumi

0 Comments

Elenco prodotti tipici calabresi.

Elencare i prodotti tipici calabresi è facile e fruibile facilmente in internet da molti siti, cosa che daremo anche noi, ma prima di entrare nell’argomento vorremmo farvi conoscere la Calabria enogastronomica con le sue specialità di eccellenza e dalle origini. La storia calabrese, quindi anche quella gastronomica, inizia molto presto rispetto ad altre regioni d’Italia e del mondo, siamo sulle tracce degli antichi greci a cui sono seguiti i saraceni, i monaci della spiritualità orientale i bizantini e così via fino alle influenze arabe, spagnole e anche francesi.

I vini della Calabria, i più antichi e preziosi al mondo.

La più antica traccia tangibile e ancora fervente nella tradizione in Calabria è quella enologica, il “Vino Greco di Bianco” è il più antico vitigno al mondo, lo si produce ancora e con ottimi risultati. Prezioso passito a produzione limitata, sia come bottiglie, sia come zona di produzione, interessa solo i comuni di Bianco e parzialmente quello di Casignana. La Calabria e l’enologia è rappresentata nel mondo con  il Cirò, anche questo vino è celebrato fin dall’antichità classica. Le diversità tra la Calabria di oriente e di occidente, tra nord e sud hanno generato una ricchezza, talvolta esclusiva come i distillati ed i liquori all’anice o al finocchietto selvatico, amari alle erbe, liquirizia, limetta, limone, cedro, il fantastico bergamotto, estratti di alcool dal vino, mediante procedimenti tramandati dal VI secolo dai greci, confermati nel corso del dominio bizantino, saraceno, romano…  La Calabria è storicamente l’antica Enotria, qui nasceva il vino.
I vini a denominazione d’origine controllata Doc e per far fede all’elenco prodotti tipici calabresi, sono dodici:
Bivongi, Cirò, Donnici, Greco di Bianco, Lamezia, Melissa, Pollino, Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto, San Vito di Luzzi, Savuto, Scavigna e Verbicaro.
Poi ci sono i vini ad indicazione geografica tipica IGT, sono tredici:
Arghillà, Calabria, Condoleo, Costa Viola, Esaro, Lipuda, Palizzi, Locride, Pellaro, Scilla, Val d’Amato, Val di Neto, Valle di Crati.

La Calabria è da interpretare come percorso di conoscenza e per poter stilare l’elenco prodotti tipici calabresi bisogna soffermarci a studiare la cultura, gli usi, le tradizioni, anche le consuetudini che hanno radici nel tempo un tour enogastronomico che ci permetterà di gustare i 207 prodotti tipici di qualità, quasi tutti secolari e come dicevamo millenari. Tutti i prodotti dell’agricoltura calabrese sono da apprezzare nella loro ricchezza e varietà, a contatto con la natura rigogliosa delle campagne luminose d’olivi e colorata dalle ginestre, dai fichi d’india e dagli oleandri, all’ombra delle vecchie querce, dei castagni e dei pini larici, tra i profumi di agrumeti e nella fragranza del Tirreno o dello Jonio. Le specialità enogastronomiche calabresi sono gradevoli e fantasiosi, di valore completo che aiutano la mente ed il corpo, preparati ancora oggi secondo le ricette e con metodi delle tradizioni rurali delle diverse aree geografiche e culturali locali, in Calabria per posizione geografica e conformazione del territorio è difficile intraprendere della colture intensive e a livello di grandi industrie.

Salumi calabresi, specialità replicate nel mondo con scarso successo.

La Calabria è universalmente riconosciuta anche per i salumi. Le valli ricche di boschi, fresche di inverno, se non innevate, degli Appennini calabresi, ben si prestano all’allevamenti dei suini ed alle successive e delicate fasi della lavorazione e stagionatura delle carni. Anche la varietà dei salumi è vasta e ci si appresta a aggiungere tanto all’elenco prodotti tipici calabresi. Le specialità da menzionare sono tante, partiamo con la soppressata di Decollatura, la n’duja di Spilinga, famoso insaccato di maiale cremoso e piccantissimo, replicato in tutto il mondo con scarso successo; la salsiccia calabrese la pancetta e il salame crudo di Albidona e quello salto di  Crotone. Aggiungiamo tra i salumi i Dop di capocollo e i prosciutti crudi come quello di San Lorenzo Bellizzi.

L’elenco prodotti tipici calabresi continua con la trinità mediterranea, pane, vino e olio extravergine di oliva, nelle tradizione i formaggi come il caciocavallo silano, il caciocavallo podolico, la ricotta fresca, la ricotta affumicata , la jungata, il caciocavallo di Ciminà, il caciocotto di Cirella di Platì, la mozzarella ed i butirri silani, il caprino dell’Aspromonte e della Limina, il pecorino crotonese, del pollino, della Locride, della Vallata bizantina dello Stilaro e del Monte Poro.

Olio extravergine di oliva, peccato sia illegale la provenienza in etichetta.

La Calabria è una delle regioni più importanti in Italia per la produzione di olio extravergine di oliva, che non avendo marchi commerciali di risonanza l’olio extravergine prodotto spesso va a impreziosire la qualità di altri oli regionali, un vero peccato che in questo settore pratica non poco imbarazzo, anche politico. Gli olivi calabresi, alberi sempreverdi e longevi sono veri e propri monumenti della natura. Spiritualmente gli olivi richiamano pace, fecondità, forza, vittoria, gloria e perfino purificazione e sacralità. La presenza dell’olio di Calabria inebria ogni mensa dalla più povera a quella con pietanze pregiate, e qui l’olio extravergine di oliva, anche Dop come il Lamezia, Bruzio, dei colli di Tropea, del Savuto e Locride.

Nell’elenco prodotti tipici calabresi sono presenti le cipolle rosse di Tropea, leggere e delicate, uniche al mondo, coltivate da quattromila anni, usate per diete e inserite nei menù di grandi chef mondiali. I pomodori di Belmonte, dal colore tendente al rosa e dalle grandi dimensioni. Le patate della Sila, continuando con l’elenco prodotti tipici calabresi, l’asparago e l’origano selvatico, i broccoli di rapa, il finocchio di Isola Capo Rizzuto, la melanzana e poi i sapori dei  boschi e sottobosco con funghi e castagne, lamponi, mirtilli, fragoline, more, per realizzare delle eccellenze di confetture.

Agrumi e unicità del territorio calabrese tra cui cedri e bergamotti.

Capitolo a parte e speciale per gli agrumi nell’elenco prodotti tipici calabresi, apprezzati nel mondo le arance, le più buone sono a Caulonia ed i mandarini, i particolarissimi limoni di Rocca Imperiale, il Bergamotto Jonico di Reggio Calabria, il cedro delle valli del Lao, dell’Abatemarco e del Corvino che rappresentano la sacralità ebraica, esportati rigorosamente ed in grande quantità per le chiese in Israele. Tra gli agrumi ancora le clementine della piana di Sibari, la limetta della provincia di Cosenza.

Elenco prodotti tipici calabresi, sono tanti sono buoni.

Per conoscere meglio la Calabria è necessario assaggiare il pan di Spagna di Dipignano, il pane al miele di Cerzeto, il pane di segale di Canolo, il pane di Cutro, il pane con sardella di Spezzano della Sila, le scorzette di mandarini, cedro, arance, limoni candite e ricoperte di cioccolato i forme diverse, i mostaccioli di Soriano Calabro, la pitta ‘mpigliata di san Giovanni in Fiore, i nzuddi di Serra san Bruno, i paniculli di Diamante, i pregiati torroni di Bagnara, tra i gelati… il tartufo di Pizzo, ed il pezzo duro di Gioiosa Jonica. La liquirizia è preparata tra Rossano e Rende, il fico in tutte le sue forme.

L’elenco prodotti tipici calabresi continua…. Il peperoncino di Calabria….

 

 

Tags : , , , , ,

Comments are closed.